TUNE UP

Un modello di governance integrato e innovativo per la gestione delle Aree Marine Protette


Sustainable Development Goals:


Il progetto INTERREG MED "TUNE UP" ha molteplici obiettivi e affronta la necessità di un approccio strategico e collaborativo per la gestione delle Aree Marine Protette (AMP) e per la protezione della biodiversità, attraverso la sperimentazione e l'utilizzo di uno strumento di governance che coinvolge diversi stakeholder. 

Lo strumento si basa sull'esperienza dei Contratti Fiume e Zone Umide sperimentati dal progetto INTERREG MED "WETNET".

Il progetto "TUNE UP" sfrutta pertanto la flessibilità e la fattibilità della metodologia dei contratti di fiumi e delle zone umide, migliorando ulteriormente la gestione delle AMP, e valutandone l'efficacia attraverso il coinvolgimento di 10 AMP da parte dei partner del progetto.

 

Gli obiettivi della procedura del contratto delle zone umide sono:

  1. preservare / valorizzare la biodiversità degli ecosistemi costieri e marini;
  2. contribuire alla mitigazione degli effetti del cambiamento climatico e di altri fattori di rischio (ad esempio le attività umane);
  3. coinvolgimento attivo delle principali parti interessate e dei principali attori locali
  4. sensibilizzare le comunità locali e i responsabili politici.

L'approccio di TUNE UP si basa sul raggiungimento di un coordinamento tra le istituzioni di gestione a tutti i livelli e sull'integrazione dei piani di finanziamento e di gestione, rafforzando così l'obiettivo della protezione della biodiversità.

Il partenariato del progetto include anche enti gestori delle AMP, che permetteranno a TUNE UP di fornire buone pratiche tra i partner del progetto e tra le istituzioni coinvolte nella gestione delle AMP, così come ai paesi del Mediterraneo in generale.

 

Principali risultati

Il progetto mira a raggiungere i seguenti risultati:

  • Un maggiore coinvolgimento dei principali stakeholder nella gestione delle AMP
  • Migliorare l'efficacia della gestione degli AMP integrando strumenti di governance multilivello negli strumenti di politica nazionale e regionale.
  • Intensificazione della cooperazione transnazionale e del networking tra gli AMP nel Mediterraneo.

 

MEDSEA partecipa attivamente a tutte le fasi del progetto e, insieme al partner associato Area Marina Protetta “Penisola del Sinis Isola di Mal di Ventre”, realizzerà le seguenti azioni.

  • Adattamento della metodologia WETNET alla gestione delle Aree Marine Protette
  • Studio del contesto dell'Area Pilota (quadro normativo, descrizione degli stakeholder)
  • La possibilità di applicare i contratti del progetto WETLAND ad altre zone umide
  • Monitoraggio / Valutazione delle azioni pilota
  • Migliorare la diffusione degli strumenti di politica regionale

 

Partnership: 12 partner da 7 paesi

  • ANATOLIKI SA (Grecia) (Capofila)
  • Andalusian Federation of Towns and Provinces (Spagna)
  • Mediterranean Wetlands Initiative (Francia)
  • Mediterranean Sea and Coast Foundation (Italia)
  • Research Center of the Slovenian Academy of Sciences and Arts (Slovenia)
  • Tour du Valat Foundation (Francia)
  • Μβ Amvrak Gulf Management Agency (Grecia)
  • Department of Archeology - Università Roma Tre (Italia)
  • AQUAPROGRAM srl (Italia)
  • Spanish Ornithological Society (Spagna)
  • Ministry of Tourism and Environment (Albania)
  • University of Montenegro - Institute for marine biology (Montenegro)

 

Budget di progetto (fondi UE totali): 3.035.575,50 €

Budget MEDSEA: 360.670,00 €

Durata del progetto: 01/11/2019 - 30/06/2022 (32 mesi)

Sito web del progetto 

Scarica l'ultima Newsletter

 


Torna ai Progetti


 

Attività, Gestione costiera, Conservazione biodiversità
©2018 MEDSEA Foundation. All Rights Reserved.